lunedì 16 dicembre 2019

Gran Galà di beneficenza per la lotta alla Meningite, Teatro Augusteo, 18 dicembre 2019, Salerno

Gran Galà di Beneficenza

per la lotta alla meningite IX edizione 


Dopo la rassegna “ Foglie d’Autunno” che si è tenuta nella sala San Tommaso  del Duomo di Salerno, sotto la direzione artistica di Tiziano Citro ,  compositore e pianista del panorama contemporaneo nazionale, da venerdi 8 a venerdi 22 novembre 2019, l’attività artistica dell’associazione Rachmaninov si chiude con l’ultimo appuntamento il 18 dicembre alle ore 20.30 al teatro Augusteo di Salerno con il Gran Galà di beneficenza per la lotta alla meningite.
La Playtoy Orchestra composta da Fabrizio Cusani (direzione e giocattoli) Giulio Vetrone (organo e giocattoli) Jacopo Cerulo (organo bontempi) Gianpasquale Cusano (percussione toy) Roberto Policino (fisarmonica toy) Giuseppe Caruso (batteria toy) Gioele Cerulo (chitarra/basso toy) eseguirà musiche di Rossini Ponchielli Strauss  Beetheven e Bizet.
L’incasso del concerto sarà devoluto al comitato nazionale per la lotta contro la meningite. I bambini assisteranno al concerto gratuitamente donando, in occasione del Natale, un giocattolo ai loro coetanei meno fortunati. 
Presenta la serata Laura Mammone.

Il concerto  è  patrocinato dalla Regione Campania e dal Comune di Salerno. 
Ingresso € 10,00.  Per info e prenotazioni 3479271097 www.postoriservato.it
Giocare con la musica
Perché no? Meglio ancora, far musica con i giocattoli. Per le scuole, per le famiglie ma anche e specialmente, per un pubblico adulto. Una proposta davvero insolita: l'incontro con l'unica orchestra al mondo che suona esclusivamente giocattoli.

La Band muove dalla Campania ed ha suonato in tutto il mondo; si è fatta ammirare in televisione e ascoltare in radio. Ha all’attivo due dischi distribuiti in tutto il mondo sulle maggiori piattaforme musicali digitali. La Playtoy Orchestra porta nei teatri la musica dei grandi compositori in maniera originale, divertente ed umoristica, con l’obiettivo di aiutare anche l’ascoltatore più distratto a entrare in un mondo, quello della musica classica, troppo spesso considerato distante, colto, difficile ma che può essere, invece, alla portata di tutti, come un giocattolo. Sul palco si potrà ascoltare il suono di un palloncino che si gonfia e scoppia, il suono di un pupazzo di gomma accompagnato da una fisarmonichetta di plastica e cartone; si potrà osservare un batterista alto un metro e ottanta, suonare una batteria di trenta centimetri di altezza; il pianino di Charlie Bronw con le sue otto note colorate, fischietti,trombette, rotelle colorate, maialini di plastica, campanelle e qualunque altro giocattolo in grado di emettere suoni. Strumenti giocattolo limitati ma sapientemente orchestrati insieme per una performance allegra dai suoni meravigliosi ed insoliti. Il programma musicale  va da Rossini a Tchaikovsky, da Mozart a Quincy Jones, da Morricone a Beethoven, da Brahms e Johann Strauss, a ricordarci che in molte lingue "giocare” e "suonare" si traducono con lo stesso verbo.La Playtoy Orchestra ha suonato nei maggiori teatri d’Italia (Vicenza, Udine, Milano, Palermo, Torino, Genova, Mantova, Spoleto, Rimini, Bologna, Verona…) e del mondo (Portogallo, Francia, Lussemburgo, Bulgaria, Tunisia, Corea del Sud, Albania, Svizzera, Germania, Colombia, Cina...), grazie a quel grande linguaggio universale che è la musica. La Playtoy Orchestra  ha collaborato con lo Zecchino D’Oro e duettato, in diretta Rai, con il “Piccolo Coro Dell’Antoniano” e con la “Grande Orchestra della Rai”.Lo spettacolo della Playtoy si basa sull’interazione e sullo scambio reciproco fra esecutori sul palco e auditorio, così partecipativo ad ogni esibizione.La finalità della Playtoy Orchestra è di avvicinare, bambini dai 3 ai 120 anni, alla grande musica orchestrale in maniera divertente e umoristica. 

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento!