martedì 11 agosto 2020

Installazione IL VOLO ad Albissola Marina (Sv), dal 13 al 30 agosto 2020

Dal 13 al 30 di agosto saranno ospiti del Circolo degli Artisti, Giacomo LUSSO e Carlo SIPSZ con la loro installazione "Il Volo".

 

"La grande opera ceramica Il Volo composta da 48 pezzi in ceramica dopo lesposizione a Venezia nella prestigiosa mostra  Da Kandisky a Botero durata un anno, torna eccezionalmente ad Albisola in mostra nel mese di Agosto."



Il progetto ceramico dal titolo Il Volo nasce nei primi mesi del 2018 su invito di Donatella Avanzo curatrice della mostra Da Kandinsky a Botero presso il trecentesco Palazzo Zaguri a Venezia. A Giacomo Lusso e Carlo Sipsz è stato proposto, ispirati da un arazzo di Capogrossi esposto in tale occasione, di ideare e produrre una unica grande opera ceramica che reinterpretasse in modo contemporaneo i segni tipici dell'artista romano. Lopera completa è lunga circa sette metri, consta di 48 pezzi smaltati o ingobbiati montati su pannelli di legno che ne hanno consentito lesposizione a Palazzo Zaguri di Venezia dal novembre del 2018 al settembre del 2019, allestendo due pareti. I ceramisti albisolesi non nuovi peraltro a lavori eseguiti in collaborazione, come con lopera Lettere damore alla ceramica, che li ha visti vincitori del secondo premio al Concorso Internazionale di Castellamonte proprio nel 2018. Il Volo è stato modellato, utilizzando circa 150 kg di argilla refrattaria, presso il laboratorio di prossimità dellAntico Giardino di Albissola gestito da Lusso e Sipsz. Successivamente tutti i 48 pezzi sono stati biscottati a 1050° e dopo la prima cottura sono state eseguite due cotture del bello a 950° per ottenere il colore degli smalti che il progetto richiedeva. Durante tutta questa procedura, durata due mesi, un solo pezzo del pannello si è rotto in cottura.

La Fondazione Culturale Cento Fiori di Savona e il Circolo degli Artisti di Albisola, che ha messo a disposizione i prestigiosi locali di Pozzo Garitta 32, hanno reso possibile la conclusione ideale di questo Volo ceramico da Albisola a Venezia andata e ritorno.

All'apertura della mostra il dott. Federico Marzinot studioso ceramologo, intervistera' Giacomo Lusso e Carlo Sipsz. Il tutto sarà  ripreso in diretta, e diventerà un film che seguirà  la mostra nel suo itinerario, dal video-maker  Jorge Felix Diaz.  


Alle ore 21 dello stesso 13 agosto, omaggio a Pozzo Garitta di Patrizio Lai con un concerto di Campane Tibetane.

Orari  mostra: tutti i giorni dalle 18 alla 19,30  domenica e festivi 10,30/12 e 18/20  - lunedì chiuso

 

Iscrizioni per il progetto Turandot al Conservatorio di Avellino

CONSERVATORIO: RIPARTONO LE ISCRIZIONI INTERNAZIONALI E IL PROGETTO TURANDOT

LE DOMANDE DA PRESENTARE ENTRO IL 15 SETTEMBRE, AD OTTOBRE LE AMMISSIONI



Al Conservatorio “Domenico Cimarosa”, presieduto da Luca Cipriano e diretto da Carmelo Columbro, ripartono le ammissioni internazionali e il progetto Turandot. Dal prossimo 24 agosto e fino al 15 settembre 2020, infatti, saranno aperte le iscrizioni agli studenti internazionali per l’anno accademico 2020/2021.

Si tratta di progetti nati nel 2007, con i quali il Conservatorio di Avellino ha stretto un legame fortissimo con le comunità internazionali e i suoi giovani studenti che arrivano in Irpinia per seguire la didattica dell’Istituto di Alta formazione musicale. Ogni anno il «Cimarosa» ospita tra i 60 e gli 80 alunni che scelgono Avellino e l’Italia per il canto lirico e lo studio del pianoforte.

Gli studenti potranno scegliere tra 43 corsi di I Livello e 42 di II Livello. Si va dall’arpa all’oboe, passando per canto e pianoforte fino ad arrivare ai corsi di jazz e di musica elettronica. La domanda di iscrizione dovrà essere prodotta esclusivamente sul sito internet di Isidata.net, seguendo le istruzioni riportate nella guida on-line del sito del Conservatorio, dove sono consultabili anche le informazioni relative alle prove di ammissione per il I e II Livello.

«Al conservatorio si respira da sempre un clima internazionale, grazie alla presenza di allievi stranieri e di quelli del progetto Turandot, che in questi anni hanno portano ad Avellino centinaia di studenti provenienti dall’estero. Anche quest’anno rinnoviamo il nostro impegno in questa direzione a dimostrazione della bontà e del successo che i progetti internazionali hanno avuto in questi anni e che hanno portato il Conservatorio di Avellino ad essere tra le prime Università musicali d’Italia, oltre che un Istituto di Alta Formazione apprezzato in tutto il mondo», hanno dichiarato il presidente Luca Cipriano e il Direttore Carmelo Columbro.