SITO UFFICIALE

giovedì 4 maggio 2017

Solo andata, 6-21 maggio 2017, Circolo degli artisti, Albissola Marina


SOLO ANDATA 

Il titolo pare quello di un Arcano Maggiore del mazzo dei Tarocchi: racchiude infatti destini e avventure, miserie e desideri, forza di disperazione, addii, abbracci, sogni e tante altre cose. 
Basta trovare il tempo per leggere la carta, girarla, ed entrare in un universo di disinteresse e rimorsi, di empatie di un attimo, non tutte e non sempre sincere; di egoismi e di rimproveri all’ostinazione di chi insiste a farsi spazio nelle pieghe di un destino che pare a senso unico: il domani sta più in là, sulle tracce di passi segnati che possono confondersi o interrompersi e portare a vita o a morte. 

Prende forma così l’altra faccia della carta, disegnata dalla mano che si chiude e si ritira o da quella che invece ne stringe un’altra le dà forza fino all’ultimo passo fuori dall’inferno. 
Già troppe parole! Ora il disegno della carta è completo e ogni segno in più rischierebbe di cancellare qualcuno di quelli già tracciati. 
Sì, perché ci sono parole che cancellano e molto spesso i pensieri del silenzio fanno meno danni. E’ da pensieri silenziosi che sono nati i lavori esposti. Silenzio e tempo hanno cercato colori, forme e materiali che non graffiassero volti già troppo segnati, che non mortificassero gesti già troppo disperati. Nelle geografie dei colori, nei pieni e nei vuoti delle superfici appena suggeriti non si incontrano i volti di “quelli” che sanno di andare per restare, vivi o morti. 
Da un inciampo casuale nei versi di Erri de Luca raccolti nel titolo SOLO ANDATA (Feltrinelli, 2014), che ho “rubato”, è cominciato il mio viaggio di meditazione silenziosa. Ne è scaturito un racconto dei miei pensieri che avevo idea di condividere con chi, interessato, potesse regalarmene qualcuno dei suoi. 
Piero Sacchetto 
marzo 2017


Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento!